Come contrastare stanchezza e spossatezza in estate

Finalmente estate!
Sole, caldo, vacanze…peccato per questa forte stanchezza! 

La stanchezza che può facilmente comparire in estate è dovuta prevalentemente alla temperatura ambientale e all’elevato tasso di umidità.
Il nostro corpo deve mantenere la propria temperatura costante per garantire che tutte le reazioni e i meccanismi fisiologici funzionino correttamente.
La termoregolazione del corpo avviene attraverso diverse strategie:  

  • La dilatazione dei vasi sanguigni per favorire la dispersione del calore ma che determina un abbassamento della pressione arteriosa che fa sentire particolarmente “mosci” e poco reattivi agli stimoli.  
  • La sudorazione: favorisce la dispersione del calore ma con essa vengono persi acqua e sali minerali preziosi per l’efficienza dell’organismo, in particolare, il potassio e il magnesio. È necessario reintegrare liquidi e sali per evitare la disidratazione che solitamente si manifesta con stanchezza muscolare, difficoltà a concentrarsi e sensazione di testa vuota. 

A rischiare maggiormente la disidratazione e i suoi effetti più severi sono soprattutto gli anziani, i bambini nei primi anni di vita, chi suda molto, chi soffre di diabete (soprattutto se non ben controllato dalle terapie) o di malattie renali. 

I primi giorni caldi dell’anno sono anche quelli più insidiosi per l’organismo, poiché è maggiore il rischio di ipertermia (aumento eccessivo della temperatura interna) e colpi di calore

Ecco quindi qualche rimedio utile: 

Reintegra l’acqua e i sali minerali
Per evitare gli effetti negativi della disidratazione, bevi a piccoli sorsi e più volte al giorno anche quando non hai sete. Un valido aiuto può arrivare anche dagli integratori di potassio, magnesio e vitamine: per chi si sente stanco e spossato questi sali contribuiscono a ridurre l’affaticamento, a migliorare le prestazioni muscolari e l’attività delle cellule nervose. 

Indossa abiti leggeri e chiari
Gli abiti chiari riflettono la luce attenuando il calore dei raggi del sole. È importante che i vestiti siano larghi e comodi e di un materiale naturale, sottile e traspirante come il lino e il cotone. Meglio evitare materiali sintetici che ritardano l’evaporazione del sudore e la dispersione termica. 

Scegli pasti leggeri e di facile digestione
Un’alimentazione corretta ed equilibrata aiuta a prevenire la spossatezza e la stanchezza tipiche della stagione estiva. Con il caldo, l’aumento di flusso sanguigno a livello cutaneo per dissipare calore è compensato da una riduzione del flusso ematico a livello viscerale.
Se si consuma un pasto particolarmente pesante, l’apparato digerente richiama grosse quantità di sangue necessarie a sostenere i processi digestivi penalizzando la dispersione di calore e causando ulteriori cali di pressione con malessere e capogiri.
Se invece i pasti consumati sono leggeri e di facile digestione, le quantità di sangue richieste dall’apparato digerente sono basse, a favore dell’equilibrio cardiocircolatorio e della termoregolazione

Nutri la tua salute anche d’estate!

Vuoi approfondire l’argomento? Contattami!

Privacy

Ti potrebbe interessare..

Couperose: rimedi nutrizionali 1

Couperose: rimedi nutrizionali 1

Couperose: rimedi nutrizionali La couperose è un disturbo dermatologico che colpisce principalmente il viso (guance e naso) e il collo, causando arrossamenti per l'improvvisa dilatazione dei vasi sanguigni. I sintomi più caratteristici sono arrossamento, sensazione di...

Obesità, diabete ed emicrania

Obesità, diabete ed emicrania

Obesità, diabete ed emicrania Numerosi studi hanno dimostrato che soggetti con obesità presentano con maggior frequenza crisi di emicrania rispetto alla popolazione generale. Il legame è probabilmente dovuto alle alterazioni metaboliche tipiche di queste condizioni...

Dieta e cefalea: cause e rimedi

Dieta e cefalea: cause e rimedi

Dieta e Cefalea: cause e rimedi  La cefalea è una delle patologie più diffuse al mondo di cui ancora non si conoscono del tutto le cause. Esistono forme di mal di testa primarie (che comprendono emicrania, cefalea muscolo tensiva) e secondarie cioè dipendenti da altre...