Couperose: rimedi nutrizionali

La couperose è un disturbo dermatologico che colpisce principalmente il viso (guance e naso) e il collo, causando arrossamenti per l’improvvisa dilatazione dei vasi sanguigni.

I sintomi più caratteristici sono arrossamento, sensazione di calore e gote irritate; si tratta di un disturbo che colpisce soprattutto i soggetti con pelle e occhi chiari e in particolare circa il 5% della popolazione con maggiore incidenza nelle donne in età compresa tra 30 e 60 anni.

In generale si tratta di un inestetismo della pelle, ma è consigliabile una visita dermatologica per escludere che le infiammazioni localizzate possano determinare l’infezione dei follicoli.

Ancora oggi non è stata dimostrata una causa specifica e si ipotizzano diversi fattori coinvolti. (abuso di alcol, disfunzioni di fegato e intestino, fattori psicologici, predisposizione genetica).

Stress, sbalzi termici ed eccessiva esposizione ai raggi UV possono aumentare la severità dei sintomi; anche alcuni alimenti sono in grado di provocare maggiore vasodilatazione e infiammazioni e sembrano peggiorare il disturbo stesso.

In generale, il trattamento della couperose rimane essenzialmente di tipo estetico o, nei casi più gravi di evoluzione in rosacea, può essere necessaria una terapia farmacologica, tuttavia esistono diversi rimedi che ne migliorano i sintomi.

Dal punto di vista estetico è consigliato inoltre proteggere la pelle da forti stress di temperatura, elementi chimici, utilizzare prodotti cosmetici e saponi non aggressivi e scegliere in erboristeria prodotti che stimolano la circolazione sanguigna migliorando la funzionalità e la resistenza ai capillari (camomilla, liquirizia, calendula, malva, centella asiatica, mirtillo, ippocastano). 

Una corretta alimentazione, in cui vengano preferiti cibi in grado di rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, può rappresentare un valido alleato contro la couperose.

Dal punto di vista nutrizionale esistono alcune strategie efficaci quali:

  • Limitare gli alcolici
  • Mantenere buoni livelli di assunzione di vitamine
  • Consumare alimenti ricchi di antiossidanti
  • Mantenere stabili i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress)

Come per altri problemi dermatologici (acne, psoriasi, dermatiti di vario genere), anche nel caso della couperose alcuni alimenti possono invece esacerbare i sintomi.

Essendo, questo disturbo, causato da una vasodilatazione si sconsiglia l’ingestione di alimenti speziati e piccanti (peperoncino, pepe, cipolla rossa, zenzero, rafano), di cibi troppo caldi.

Sono da evitare anche gli alimenti ricchi di istamina e gli istamino-liberatori (sostanza ad azione vasodilatatoria). Tra questi ricordiamo

  • cioccolato, spezie e alcuni tipi di frutta come fragole, papaia, agrumi, ananas, frutta secca.
  • Insaccati (salsicce, salame), alcune qualità di formaggio stagionato o fermentato (tra cui anche Parmigiano e Emmental), carne rossa, crauti, spinaci, pomodoro, melanzane,
  • pesce in scatola (sardine, tonno, sgombro, acciughe, aringhe) o affumicato (aringa, salmone), crostacei, frutti di mare
  • conserve e salse (di soia, ketchup); aceto di vino, vino, birra, alcolici in generale.
  • Bevande ricche di stimolanti, soprattutto il caffè

Alcool, fumo, caffè e junk- food rientrano tra le sostanze da eliminare del tutto perché favoriscono la vasodilatazione.

In caso di pelle affetta da couperose e da altre malattie dermatologiche esistono però anche validi aiuti dal mondo alimentare.

Ad esempio un ottimo sostituto del caffè, in caso di pelle affetta da couperose, può sicuramente essere il tè verde che, grazie al suo prezioso contenuto di antiossidanti, aiuta a ristabilire e proteggere l’equilibrio cutaneo.

Si consiglia una dieta ricca di frutta e verdura, in particolare di cibi ricchi di vitamina C come kiwi, broccoli, cavolfiori, carote, peperoni, rucola, prezzemolo, ciliegie, fragole e altri vegetali di stagione. La vitamina C rappresenta uno degli antiossidanti più importanti per il nostro organismo, e risulta fondamentale proprio per rinforzare i vasi sanguigni.

Integrare l’alimentazione con mirtilli, lamponi, kiwi e uva rossa ricchi di bioflavonoidi può favorire il microcircolo mentre, acidi grassi omega 3 e omega 6 sono utili per aiutare a ridurre l’infiammazione cutanea.

Se soffri di questo disturbo e vuoi saperne di più o se vuoi migliorare la tua alimentazione prenota un appuntamento.

Vuoi approfondire l’argomento? Contattami!

Privacy

Ti potrebbe interessare..

Obesità, diabete ed emicrania

Obesità, diabete ed emicrania

Obesità, diabete ed emicrania Numerosi studi hanno dimostrato che soggetti con obesità presentano con maggior frequenza crisi di emicrania rispetto alla popolazione generale. Il legame è probabilmente dovuto alle alterazioni metaboliche tipiche di queste condizioni...

Dieta e cefalea: cause e rimedi

Dieta e cefalea: cause e rimedi

Dieta e Cefalea: cause e rimedi  La cefalea è una delle patologie più diffuse al mondo di cui ancora non si conoscono del tutto le cause. Esistono forme di mal di testa primarie (che comprendono emicrania, cefalea muscolo tensiva) e secondarie cioè dipendenti da altre...

Quando è nata l’usanza di scambiarsi i regali a Natale?

Quando è nata l’usanza di scambiarsi i regali a Natale?

Quando è nata l'usanza di scambiarsi i regali a Natale? Che bello a Natale ricevere un regalo da una persona che ti vuole bene!!   Lo sai quando è nata questa tradizione?   L'abitudine di scambiarsi doni deriva dallo scambio delle strenne, che gli antichi Romani si...