Natale sano e sostenibile

In questi giorni molti di noi sono alle prese con la preparazione di menù e ricette sfiziose per la cena della Vigilia o il pranzo di Natale. La famiglia si riunisce e il pensiero che il cibo che sarà offerto a tavola non sia sufficiente “per fare bella figura” ci accompagna nelle fasi di organizzazione.  

Non solo, per qualcuno il pensiero sarà “come resistere alle tentazioni” o “come evitare un ritorno ai vecchi schemi mentali e alle vecchie abitudini alimentari” dopo tutto il lavoro fatto nel percorso dietetico. 

La cosa più importante è ricordare che:  

Concedersi qualche “giorno libero dalla dieta” è fondamentale durante le festività. 

Come dico sempre, la “dieta” non è fatta solo di controllo, calorie e privazioni ma deve essere soprattutto equilibrio tra scelte consapevoli per il proprio peso e salute e momenti di piacere e convivialità legati al cibo. Perciò è indispensabile sapersi gustare questi momenti a tavola in tutte le sfaccettature (dal cibo, alla compagnia, all’ambiente in cui ci troviamo). 

 Il primo passo verso l’equilibrio è identificare strategie per gestire al meglio i giorni di festa; inoltre è bene pensare anche al portafoglio e soprattutto all’ambente. 

 Evitare di sprecare il cibo cucinando le giuste quantità e conservando al meglio gli avanzi sono solo alcuni degli spunti e delle strategie che ho preparato per te. 

Ecco quindi il “Decalogo per un Natale sano e sostenibile” 

1. Stabilisci il menù e organizza le porzioni in base alle portate (più proposte richiederanno minori porzioni). Se il menù prevede più portate sarà sufficiente considerare porzioni più piccole o “assaggi” per accontentare il palato, gustare ogni pietanza ed evitare sprechi. Prova a ricordare quanto è avanzato dei piatti preparati lo scorso Natale, ti aiuterà a gestire meglio le porzioni. 

2. Pianifica la spesa: fai la lista di ciò di cui hai realmente bisogno per preparare il menù che hai stabilito, evita inutili scorte tenendo conto di quello che troverai tra i regali e le ceste di Natale.

3. Scegli piatti più piccoli per servire le pietanze; eviterai di riempire troppo i piatti fin da subito lasciando agli ospiti la possibilità di scegliere se vogliono il “bis”. Anche l’occhio vuole la sua parte e in questo modo il piatto sembrerà comunque pieno e armonioso.

4. Conserva gli avanzi in modo sicuro: dividi il cibo avanzato in porzioni e conservalo in frigorifero o in freezer, eviterai eccessi nei giorni successivi alle feste e soprattutto gli sprechi. Una cena pronta e veloce sarà molto utile dopo un’intensa giornata di lavoro.

5. Organizza spuntini sani! La disponibilità di cibo tipica di questi giorni e settimane favorisce l’abitudine a mangiucchiare durante tutta la giornata o peggio la sera dopo cena; una delle strategie più utili può essere quella di utilizzare questi alimenti (tipicamente frutta secca, essiccata o dolci vari) come spuntini nella giornata definendo quantità e orari evitando quindi il rischio di eccessi alimentari.

6. Mantieni il timing dei pasti: per mantenere un buon equilibrio è importante nei giorni feriali riprendere il ritmo dei pasti. Digiunare o saltare pasti sono comportamenti che mettono sotto stress il nostro corpo determinando maggior rischio di abbuffate successive (soprattutto si tenderà a desiderare più dolci e grassi), alimentando così lo schema mentale “ho sgarrato/sbagliato” e devo rimediare, favorendo sensazioni come gonfiore, pesantezza e insoddisfazione. È meglio quindi mantenere il ritmo dei pasti, scegliendo piatti più leggeri o riducendo le porzioni uno yogurt e un po’ di frutta; un piatto di minestrone possono essere sufficienti per bilanciare gli eccessi calorici senza privarsi del giusto nutrimento.

7. Utilizza la fantasia in cucina! Cogli l’occasione per sperimentare in cucina con nuovi ingredienti. Crea nuove ricette e utilizza gli avanzi o gli alimenti ricevuti in dono per creare nuove ricette, poco abituali da gustare nei giorni dopo le feste o da congelare per i giorni in cui tornerai al lavoro!

8. Mantieni il ritmo degli allenamenti: se la palestra “va in vacanza”, pensare ad attività alternative rappresenta un’altra importante strategia per il benessere del corpo e della mente e può essere un’occasione per passare del tempo insieme alla famiglia e agli amici. Sarà utile anche per non sentire “la fatica di ricominciare” a gennaio.

9. Differenzia! soprattutto a Natale, non dimenticare la raccolta differenziata per far sì che il riciclo dei rifiuti alimentari e non solo avvenga in maniera efficiente ed efficace.

10. Buono per noi..buono per il nostro pianeta: acquista prodotti locali, biologici e di stagione per contribuire a ridurre l’impatto ambientale e le emissioni di CO2 per la produzione e il trasporto. Ricorda che non è solo questione di alimenti, abituati a riciclare la carta dei regali, evita tovaglie e stoviglie in plastica o usa e getta! 

 

E dopo questi 10 consigli..non mi resta che augurarti Buon Natale sano e sostenibile!

Vuoi approfondire l’argomento? Contattami!

Privacy

Ti potrebbe interessare..

Couperose: rimedi nutrizionali 1

Couperose: rimedi nutrizionali 1

Couperose: rimedi nutrizionali La couperose è un disturbo dermatologico che colpisce principalmente il viso (guance e naso) e il collo, causando arrossamenti per l'improvvisa dilatazione dei vasi sanguigni. I sintomi più caratteristici sono arrossamento, sensazione di...

Obesità, diabete ed emicrania

Obesità, diabete ed emicrania

Obesità, diabete ed emicrania Numerosi studi hanno dimostrato che soggetti con obesità presentano con maggior frequenza crisi di emicrania rispetto alla popolazione generale. Il legame è probabilmente dovuto alle alterazioni metaboliche tipiche di queste condizioni...

Dieta e cefalea: cause e rimedi

Dieta e cefalea: cause e rimedi

Dieta e Cefalea: cause e rimedi  La cefalea è una delle patologie più diffuse al mondo di cui ancora non si conoscono del tutto le cause. Esistono forme di mal di testa primarie (che comprendono emicrania, cefalea muscolo tensiva) e secondarie cioè dipendenti da altre...